Menu NEMO
Menu NEMO

Consigli pratici Kilimandjaro

Qualche consiglio prima di partire

Non andate mai troppo veloce. E' fondamentale cercare di sforzarsi per non accelerare, dato che l'altitudine esige il doppio dello sforzo e del tempo di recupero soprattutto all'inizio dell'ascesa. Quasi tutti gli scalatori soffriranno la mancanza di ossigeno e la differenza di pressione atmosferica. Le giornate sono molto lunghe e avrete così la possibilità di prendere il tempo di cui necessitate. Noi vi consigliamo di fare lunghe falcate, con un ritmo regolare, in sintonia con il vostro respiro.
Attenzione: i più giovani e sportivi sono quelli più minacciati dal mal di montagna, dato che tendono a mantenere lo sforzo senza sentire la fatica.

Contro il mal di montagna (mal di testa, insonnia, nausea, edema cerebrale e/o polmonare - il primo si può manifestare con allucinazioni, il secondo con espettorati di sangue) comprate prima della partenza del Diamox (medicinale preventivo). D'altra parte, è indispensabile bere molto, all'incirca 3 litri di acqua al giorno. Attenzione: è imperativo scendere immediatamente, anche di notte (con una guida) se i primi sintomi diventano persistenti. E' una questione di sopravvivenza.

Contro le bolle: fornirsi di due paia di calzetti di lana e, allo stesso tempo per evitare gli sfregamenti, posizionare grandi strisce di Elastoplast sulle zone a rischio(talloni,...), fornirsi anche di Compeed per le vesciche.

Quando partire
Evitare il periodo da fine marzo a fine maggio a causa della stagione delle piogge.

I nostri consigli
Non andate troppo veloci in modo tale da conservare le energie per l'ascesa finale, dato che l'altitudine esige il doppio dello sforzo e del tempo di recupero, soprattutto verso l'ultima fase. Le tappe non sono esigenti (1.000 m di dislivello), prendetevi tranquillamente il tempo necessario.

Respirate sempre con il naso già dai primi istanti (in modo da rallentare la vostra progressione) e, al contrario, respirate molto di più con la bocca verso la fine in modo tale da ventilare il vostro organismo alla ricerca di ossigeno.

Attenzione al freddo durante l'ultima parte dell'ascesa, la temperatura scende bruscamente prima dell'alba e a causa dell'altitudine.

Organizzatevi al meglio per affrontare l'ascesa: la qualità della sistemazione ed il cibo sono alcune delle chiavi di successo.

Kilimanjaro salita

Ascension kili_Safari Tanzania

Trek Tanzanie - Kilimandjaro

 

L'equipaggiamento

L'equipaggiamento

  • Un paio di scarpe da montagna impermeabili, possibilmente già utilizzate.
  • Un paio di scarpe da tennis: più leggere nelle prime fasi dell'ascesa e per la sera dopo la camminata.
  • Una grande borsa (borsone, lo zaino è una vergogna per i portatori) con le vostre cose.
  • Un piccolo zaino (da 20 litri) per le vostre cose da utilizzare durante il giorno (pic nic, macchine fotografiche, crema solare, borraccia, ...).
  • Un sacco a pelo per temperature fino - 10°C
  • Una coperta isolante per le strade diverse da Marangu
  • Una giacca a vento, un piumino o un pile
  • Un impermeabile
  • Uno o due bei maglioni
  • Un paio di pantaloni da montagna
  • Un paio di pantaloncini per le prime fasi dell'ascesa
  • Un paio di muffole o di guanti da montagna
  • Un paio di guanti di seta
  • Magliette, camicie, paia di calzini (due paia leggeri sono meglio di un paio pesante), biancheria da ricambio
  • Un cappello per il sole
  • Un cappello o un passamontagna
  • Un paio di occhiali da sole (da sci)
  • Uno o due bastoni telescopici da trekking con cinturino
  • Un paio di ghette per la polvere, la ghiaia ed il fango
  • Una coperta di emergenza
  • Una lampada frontale (oppure una torica) con pile alcaline di ricambio
  • Una borraccia (1 o 2 litri)
  • I vostri prodotti per l'igiene (non troppo pesanti e voluminosi)
  • Delle buste di plastica per isolare le vostre cose in caso di pioggia
  • Macchina fotografica (pile di ricambio)
  • Un coltellino

Scopri di più

Menu NEMO